mercoledì 1 giugno 2011

TRENETTE AL PESTO CON PATATE E FAGIOLINI

Ci sarebbero tantissime ricette tradizionali della  Liguria di cui parlarvi, ma, un po’ perché è la pianta simbolo della mia regione e un po’ perché nella mia cuisine è  richiestissimo, ho scelto di presentarvi un  classico, ovvero la pasta condita con la famosa salsa di basilico (in dialetto baxaicò), il “pesto”,  arricchita con due verdure,” patate e fagiolini”.
E’ un piatto semplice, ma trattandosi di una ricorrenza speciale, ho deciso di curare un po’ il look mantenendo però la tradizione che lo vuole assolutamente preparato nel mortaio.
Parlavo di una ricorrenza speciale, certo! Questa ricetta è in onore di   Pandipanna per il suo contest “Buon appetito Italia”. 
Ti ringrazio Mara per l’invito, è stato bello partecipare, cucinare questo piatto e rivivere gli anni della mia infanzia, perché è proprio questo uno dei piatti che io ricordo sulla tavola di quando ero bambina;  la mamma aspettava il nostro rientro da scuola e quello di papà dal lavoro per “buttare la pasta e le verdure” a cuocere tutte insieme nella stessa pentola, nell’aria si sentiva  un fantastico profumo di basilico che  preannunciava questo primo piatto. E proprio davanti a questa profumatissima pastasciutta  si chiacchierava della nostra reciproca mattinata, essendo quattro fratelli avevamo parecchie cose da raccontare J Oggi mangio al lavoro, un panino al volo, sola, davanti al mio computer… che nostalgia di quei tempi e di tutta la famiglia insieme! 

Le dosi per il pesto: ho letto che per ogni 30 foglie di basilico bisogna utilizzare uno spicchio di aglio e gli altri ingredienti devono essere aggiunti in proporzione, per raggiungere un giusto equilibrio del sapore.
Ogni famiglia ha la propria ricetta, io ho provato diverse dosi e per questa pasta, per 4 persone, il mio equilibrio del sapore prevede:
2 mazzi di basilico (possibilmente genovese e di Prà, un quartiere di Genova, famoso per questa piantina e rinomato per la sua qualità)
1 spicchio aglio
20 gr pinoli
20 gr parmigiano grattugiato
10 gr pecorino sardo grattugiato
una presa sale grosso (o fleur de sel)
olio della Riviera Ligure, dolce

2 patate a pasta soda
1 manciata fagiolini

320 gr trenette

Per fare il pesto
Procuratevi un bel mortaio di marmo con il pestello di legno e armatevi anche di un po’ di pazienza…
Staccate le foglie di basilico dalla piantina, lavatele velocemente in acqua fredda e  fatele asciugare bene, appoggiandole su un canovaccio.
Private l’aglio della buccia, mettetelo nel mortaio e pestatelo fino a ridurlo in poltiglia,  aggiungete i pinoli e continuate a pestare, fino a quando non avrete ottenuto una crema.
A questo punto, e un po’ alla volta, aggiungete  il basilico e una presa di sale  e, senza più pestare, “stracciate” le foglie facendo roteare il pestello sulle pareti del mortaio.
Quando vedrete uscire dalle foglie un   liquido verde brillante, sempre con  movimento rotatorio,  aggiungete i formaggi e diluite con l’olio versato a filo.
Qualcuno si chiederà “e chi non ha il mortaio ?” Potete certamente prepararlo nel mixer, ma vi spiego i motivi per cui viene sconsigliato: innanzitutto risulterà più una crema e poi, siccome sulla parte superiore delle foglie ci sono delle piccole nervature che contengono gli oli essenziali, per ottenere un gusto migliore è meglio che le foglie non vengano tranciate dalle lame. Inoltre, è proprio il calore delle lame che rischia   di provocare una ossidazione del colore e degli aromi, rendendo il pesto verde scuro e con un sapore soprattutto di erba. Vi confesso che a volte anch’io mi lascio tentare dall’elettrodomestico… alcuni chef consigliano di aggiungere qualche pezzetto di ghiaccio… prima o poi lo dovrò provare.

Mettete la pentola per la pasta sul fuoco e, in attesa che l’acqua bolla, preparate le verdure.
Avevo parlato di un look speciale… tagliate le patate a piccole fette e, con un tagliabiscotti rotondo, ricavate dei piccoli pois,  tagliate anche i fagiolini, a piccoli pezzi e in diagonale.
Salate l’acqua della pasta e immergete le trenette.
C’e’ chi, prima di versare la pasta, preferisce cuocere, nella stessa acqua,  i fagiolini e poi le patate. Io ho scelto di mantenere le verdure croccanti, quindi le ho sbollentate a parte.

E visti dall’alto… ancora una foto della ricetta
e poi uno scorcio  della città in cui sono nata e cresciuta, sono molto fortunata di poter vedere questo dal mio terrazzo, è un panorama che lascia senza respiro, il mare,  gli antichi  “caruggi”,  i vicoli del centro storico che percorro ogni sabato per gli approvvigionamenti della mia cuisine, il porto e la lanterna, ecco per voi un ricordo della mia amata città, la mia Genova
Buona serata
Liz

16 commenti:

  1. che buona ricetta e che bella presentazione,complimenti

    RispondiElimina
  2. Ciao Franca, ti ringrazio e benvenuta nella mia cuisine :)

    RispondiElimina
  3. Le trenette! Che bontà! Che bella presentazioneeee! bacioni, Titti

    RispondiElimina
  4. ricetta deliziosa di certo, non meno meravigliosa e la vista dalla tua finestra! baci

    RispondiElimina
  5. Che bel blog!!
    Mi aggiungo ai tuoi sostenitori.
    A presto, Barbara

    RispondiElimina
  6. @Titti
    Grazie cara!

    @Ely
    Ti ringrazio! Eh si, la vista é proprio speciale :)

    @Barbara
    Benvenuta e grazie! Passo a trovarti :)

    RispondiElimina
  7. Beh nn c'è ke dire! un ottimo piatto oltre ad essere ben presentato! ciaoo!

    RispondiElimina
  8. @Vickyart
    Ciao, grazie 1000 e Benvenuta!

    RispondiElimina
  9. @mammamemmadoc
    Ema, quando ti prende la nostalgia vieni a trovarmi...ti preparo due trenette, quando vuoi :)

    RispondiElimina
  10. magari!a Cremona sono convinti di mangiare il pesto e poi ti sembra di addentare la menta...e a volte nei RISTORANTI ti chiedono "pesto con o senza aglio"...SENZA AGLIO...ma il pesto senza aglio non è pesto!!!!!!!!!GNURANT

    RispondiElimina
  11. grazie mille per il contributo.
    Ma lo sai che la prima volta che mangia la pasta al pesto, la zia me la fece proprio così???
    E' una vera bontà...
    Grazie ancora
    Mara

    RispondiElimina
  12. mammamemmadoc
    Senza agliooooooo ? Orrore! hai detto bene, non é pesto!!!! Ci sei mancata tantissimo, ma replicheremo :)

    RispondiElimina
  13. @Mara
    Grazie a te per tutto :) A presto

    RispondiElimina
  14. c'è differenza tra: trenette al pesto e trenette alla ligure? grazie

    RispondiElimina
  15. Complimenti per la vittoria al contest :-D
    A.B.C.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...